Visite di manutenzione di un ascensore: come programmarle correttamente

Tutti coloro che abitano all’interno di un condominio, sanno alla perfezione come l’ascensore rappresenti uno degli impianti fondamentali. Proprio per questo motivo e per via della delicatezza che caratterizza buona parte dei suoi componenti, è fondamentale che venga organizzata una specifica e approfondite attività di manutenzione.

L’obiettivo, infatti, è quello di avere a disposizione un ascensore che sia sempre perfettamente funzionante e integro in tutti i suoi componenti. La manutenzione ordinaria, d’altro canto, è una di quelle tematiche che si riferisce non solo agli ascensori, ma un po’ a tutti quegli impianti che sono deputati alla mobilità verticale. Proprio per questo motivo, diventa fondamentale affidare tali interventi solo a ditte esperte e certificate, come Reggiana Ascensori.

Cosa dice la legge in tema di manutenzione di ascensori

Il primo passo per capire come effettuare in modo corretto le attività di manutenzione di un ascensore è, senza ombra di dubbio, quello di partire dalla lettura della normativa. In primis è necessario mettere in evidenza come la normativa che deve essere presa come punto di riferimento è il Dpr 162 del 1999 e, in modo particolare, il suo articolo 15.

Infatti, è proprio quest’ultima previsione di tale Decreto del Presidente della Repubblica a riguardare il tema della manutenzione degli ascensori. L’articolo 15, quindi, va a definire l’obbligo, per tutti coloro che hanno la proprietà di un ascensore o sono amministratori di un condomino, di far svolgere l’attività di manutenzione ordinaria con una cadenza semestrale in merito all’impianto in questione.

Le visite di manutenzione

Bisogna sottolineare come siano due in realtà le attività legate alla manutenzione. La prima è quella legata alla manutenzione preventiva: la ditta specializzata che si occupa di tale operazione deve andare a controllare che i componenti più importanti dell’ascensore funzionino alla perfezione. Nello specifico, si dovrà prestare la massima attenzione allo stato in cui si trovano le porte dei piani, ma anche le serrature. Non solo, dato che bisognerà porre attenzione pure rispetto allo stato in cui si sono conservate le funi. Di conseguenza, sempre nel corso delle visite di manutenzione preventiva, la ditta certificata provvederà a portare a termine anche i normalissimi interventi legati alla pulizia e lubrificazione delle varie componenti degli ascensori.

L’altra attività legata alla manutenzione è rappresentata dal controllo in merito all’integrità, ma anche all’efficienza che devono avere tutti quei sistemi ed elementi che sono deputati alla sicurezza dell’ascensore. Scendendo un po’ più nello specifico, si tratta delle funi e del paracadute, che svolgono una funzione importantissima per garantire la sicurezza di chi ogni giorno prende l’ascensore.

Ed è esattamente per tale seconda attività di manutenzione che la legge prevede una frequenza minima con cui deve essere portata a termine. I controlli in questione, come dicevamo in precedenza, devono essere effettuati con una cadenza semestrale. Invece, le visite di manutenzione preventiva non devono essere programmate in base a una frequenza costante e precisa, ma al contrario si dovrà aver riguardo sempre e comunque delle caratteristiche e necessità di ogni singolo impianto.

Ed è proprio questa la ragione per cui si consiglia, in condivisione ovviamente con la ditta che si occupa della manutenzione, di stilare un vero e proprio calendario di visite. È chiaro che un simile documento deve essere oggetto di un’attenta opera di riflessione. Quindi, non si deve prestare attenzione unicamente agli interventi che sono previsti da parte della normativa attualmente in vigore in tema di frequenza minima, ma anche alle visite di manutenzione preventiva. Queste ultime, infatti, devono essere pianificate in base alle specifiche tecniche di ciascun ascensore, ma non solo. Si dovrà fare riferimento al suo stato di conservazione e ad altri elementi, come nel caso dell’intensità con cui si utilizza l’ascensore.