Errori da non commettere quando si compra casa

Ci sono dei momenti e delle situazioni che fanno capolino nella vita di ognuno di noi. Uno di questi è sicuramente quello legato all’acquisto di una casa. Si tratta, come si può facilmente intuire, di un momento che regala una grande soddisfazione e una notevole gioia, dal momento che si tratta dell’abitazione in cui si sposterà anche il proprio nucleo familiare.

La casa, infatti, corrisponde al posto più intimo, ma anche sicuro di tutta la propria vita, in cui si possono assaporare i momenti belli e trovare un valido rifugio in quelli più complicati e difficili. Proprio per questo motivo è fondamentale sceglierla con grande cura e attenzione, dal momento che la superficialità porta a commettere degli errori che sono parecchio diffusi e che proviamo ad analizzare di seguito, ma che si possono evitare anche seguendo i consigli di professionisti qualificati, come quelli dell’agenzia immobiliare a Padova.

Alla conoscenza dei termini tecnici

Sono numerose le parole che affollano questo ambito e che si sentono anche piuttosto di frequente nel momento in cui un agente immobiliare spiega le varie caratteristiche della casa e tutto ciò che la riguarda. Il fatto di sapere cosa significhino questi termini sarà di notevole aiuto per evitare di trovare brutte sorprese dopo l’acquisto.

Il primo passo è quello di capire che cosa sia il rogito, che corrisponde molto semplicemente all’atto di compravendita. Stiamo facendo riferimento al contratto con cui il venditore “sposta” la proprietà dell’immobile in capo all’acquirente. Questo documento viene chiamato rogito per via del fatto che viene rogato, ovvero si deve redigere seguendo una serie di requisiti specifici, come ad esempio la firma di un notaio.

La classe energetica e la caparra confirmatoria cosa significano? Nel primo caso, si tratta di un termine che indica la classificazione in relazione alla qualità energetica e ai consumi di un determinato immobile, il cui parametro fondamentale corrisponde all’Epgl. Nel secondo caso, si tratta di una somma di denaro che viene versata dal venditore, nel caso in cui quest’ultimo sia inadempiente. In questo caso, l’acquirente può dare luogo al recesso dal contratto e ricevere fino a una somma doppia pari all’anticipo che è stato versato in precedenza. Nel caso in cui l’inadempimento sia legato al compratore, ecco che il venditore semplicemente si terrà la caparra e provvederà a recedere dal contratto.

Occhio al budget

Tra i vari aspetti a cui si deve prestare maggiore attenzione troviamo ovviamente quello economico. Capita di frequente che, nel momento in cui si comincia la ricerca della nuova casa, si tenda a prendere sottogamba la stima del proprio budget. Il principale rischio che si corre in tal senso è indubbiamente quello di incappare in delusioni cocenti.

Per questa ragione, è fondamentale predisporre una valutazione molto precisa, in maniera tale poter disporre di un ammontare di liquidità sufficiente per la copertura di tutte le spese. Prestare attenzione in modo particolare ai mutui con rata di rimborso o che presentano una durata eccessiva, visto che potrebbero comportare un notevole rincaro alle somme che si devono spendere.

Non bisogna avere fretta

Tra gli errori maggiormente diffusi che si commettono nel momento in cui si compra casa troviamo sicuramente anche il fatto di dover fare le cose eccessivamente di fretta. Quando si acquista una nuova abitazione, non c’è nulla di più errato che fiondarsi a capofitto solo su una casa e pensare subito che si tratti di quella più adatta in base alle proprie esigenze.

Chi ha troppa fretta in questa fase corre il serio rischio di lasciarsi scappare delle alternative che sono magare più valide e ancora più rispondenti alle proprie necessità. Serve avere tanta pazienza, e tutto questo può voler dire anche dover aspettare un periodo successivo, ovvero quando i prezzi tendono a ridursi e a scendere. In questo modo, si potrà completare l’acquisto di un immobile per cui il budget stanziato non era sufficiente.